Glossario

Aggetto: elemento architettonico sporgente dal muro di un edificio.

Androne: atrio, ambiente che si sviluppa in profondità tra il portone d'ingresso e il cortile interno.

Antingresso: opera di difesa realizzata davanti alle porte delle mura di cinta. Indica anche una porta che si trova dinanzi ad un'altra e lo spazio esistente fra le due.

Apparato a sporgere: piano sporgente dal profilo della muratura sorretto da archetti e beccatelli.

Architrave: elemento architettonico poggiato o incastrato orizzontalmente su due elementi verticali (pilastri o colonne) ai quali trasmette il carico delle strutture sovrastanti.

Beccatelli: elementi in pietra sovrapposti in modo da formare delle mensole atte a sostenere dei piani in aggetto e merlature.

Bifora: finestra a due luci, divisa a metà da un elemento verticale che può essere un pilastro o una colonnina.

Caditoia (Piombatoia): apertura orizzontale praticata nell'apparato a sporgere tra i beccatelli per gettare sull'assediante pietre o liquidi bollenti o materia infiammata.

Cammino di ronda: percorso coperto o scoperto destinato ai passaggi periodici della vigilanza.

Cannoniera (Troniera): apertura variamente angolata di forma e grandezza opportune per le bocche da fuoco.

Capitello: elemento terminale della colonna che raccorda e sostiene l'architrave o l'arco.

Casamatta: vano coperto, ricavato dietro o dentro le mura, aperto verso l'esterno per contenere e proteggere le bocche da fuoco e per consentire la difesa radente.

Cinta muraria: difesa perimetrale del castello costituita da un muro diviso a tratti dalle torri o dai bastioni.

Cittadella: nucleo maggiormente fortificato di una città o di un castello.

Cortina: tratto di mura compreso tra due torri o bastioni sporgenti.

Difesa piombante: difesa impostata sul principio della caduta dall'alto di pietre o liquidi bollenti sull'assalitore che si accinge a scalare le mura.

Feritoia: fessura verticale o orizzontale attraverso la quale si bersaglia il nemico assicurandosi la massima protezione dai suoi colpi. All'interno presenta una strombatura per avere un più ampio settore di tiro.

Foedus: alleanza, patto.

Fossato: avvallamento artificiale del terreno posto a difesa del castello superabile tramite ponte levatoio. Il fossato può essere colmo d'acqua oppure asciutto.

Fundus: podere, fondo.

Gittata: distanza massima raggiungibile con frecce o proiettili.

Lizza: area interna destinata a corse, gare e tornei cavallereschi.

Loggia: organismo architettonico aperto su uno o più lati formati da colonne o pilastri.

Loggiato: passaggio aperto su cortili o giardini in uno o più ordini sovrapposti.

Mantelletta: vedi ventiera.

Marcapiano: cornice o fascia ornamentale che, nel prospetto di un edificio, divide un piano dall'altro.

Mastio o Maschio: parte più fortificata e interna di un castello o di una rocca di solito identificabile con un torrione, ma talvolta semplicemente residenza del castellano.

Merli: muratura interrotta a piccoli intervalli regolari posta nella parte superiore di cinte o di torri e castelli per riparare il difensore.

Merloni: parte superiore della muraglia resa discontinua per l'affaccio delle bocche da fuoco caratterizzata da arrotondamenti atti a deviare i colpi dell'artiglieria nemica.

Mine: apertura effettuata dagli assalitori alla base della muraglia mediante la realizzazione di caverne puntellate nelle quali si incendiano fascine o legname allo scopo di provocare il crollo dei puntelli e del muro soprastante.

Municipium: municipio, città di provincia che ha leggi e magistrati propri e gode del diritto di cittadinanza.

Oppidum: borgo circondato da mura.

Piombatoia: vedi Caditoia.

Rivellino: costruzione realizzata davanti alla porta d'ingresso per assicurare una maggiore protezione dagli attacchi del nemico. Può essere di forme diverse, triangolare, semicircolare o a mezzaluna, pentagonale ecc...

Scarpa: ingrossamento opportunamente inclinato alla base delle mura per rinforzare e per deviare l'incidenza del tiro nemico.

Tiro di fiancheggiamento: tiro di difesa effettuato da torri o bastioni sporgenti rispetto alle cortine allo scopo di difenderle colpendo l'assalitore lateralmente.

Tiro radente: tiro effettuato quasi orizzontalmente da feritoie praticate nelle parti più basse delle mura in modo da colpire tutto ciò che poteva trovarsi sulla sua traiettoria per tutta la lunghezza della gittata dell'arma.

Transumanza: spostamento stagionale del bestiame dai pascoli di pianura a quelli delle regioni montuose e viceversa.

Tratturo: larga pista, con fondo naturale, formatasi per effetto dei periodici spostamenti delle greggi per lo sverno e costituente la loro abituale via di passaggio.

Trifora: finestra a tre luci separate da due colonnine o pilastri.

Ventiera: (Mantelletta) è una specie di sportello rotante realizzato in legno e rivestito di lamiera incernierato tra due merli atto a coprire il vano intermedio e a proteggere il tiratore.